Il nostro Ecuador

"L’Ecuador sembra racchiudere tutto ciò che si trova in Sud America in una noce”. Ecco il biglietto da visita di questo affascinante paese secondo un modo di dire locale. E a ragione, perché seppur di dimensioni ridotte, l’Ecuador ha tutte le carte in regola per offrire, in una manciata di chilometri, paesaggi completamente differenti tra loro, ma tutti di enorme fascino.
Quattro i punti di forza di questo piccolo grande paese, che ne fanno una delle destinazioni turistiche più ambite al mondo: la cordigliera delle Ande che lo attraversa da nord a sud, cosparsa di piccoli deliziosi villaggi e dove si trovano alti e attivi vulcani, la costa con le sue spiagge e foreste vergini, l’Amazzonia con la sua giungla tropicale e il fiume per eccellenza e per finire alla grande con le Isole Galapagos, conosciute a livello mondiale per il loro ecosistema unico e di grande interesse.

Un viaggio in Ecuador è scoprire città ricche di storia, cultura e fascino coloniale come Quito, gironzolare per i tanti mercati dei villaggi andini dove si lavorano gioielli, legno, tessuti, ceramica, sentirsi piccoli piccoli di fronte a cime che superano i 6.000 metri o impotenti davanti a vulcani ancora attivi, visitare cittadine coloniali Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco come Cuenca o i resti di floride città incaiche come Ingapirca.

E poi scoprire qualcosa di unico come le isole Galapagos, un habitat così unico e incontaminato che è stato fonte di ispirazione per Charles Darwin per la sue teorie sull’evoluzione.

Tante le emozioni che si provano in Ecuador: anche quella di sostare di fronte al monumento dedicato alla Mitad del Mundo, la metà del Mondo, l’Equatore che passa proprio nel paese, vicino a Quito e che gli ha dato anche il nome.

Lingua: La lingua ufficiale dell’ Ecuador è lo spagnolo. L’inglese è molto diffuso nelle zone turistiche.

Moneta: La moneta dell’Ecuador è il dollaro USA. Nel 1999 è stata introdotta la dollarizzazione in sostituzione della moneta locale Sucre.

Fuso orario: l’Ecuador si trova sei ore indietro rispetto all’Italia (sette ore quando in Italia è in vigore l’ora legale).

Corrente elettrica: In Ecuador la corrente elettrica è di 110V. E’ consigliabile portare un adattatore di corrente con presa piatta americana.

Clima: Ogni regione ha un proprio clima:

Ecuador continentale:
Nella parte andina, da dicembre ad aprile sono i mesi più freddi e piovosi, mentre i mesi secchi sono da maggio a ottobre con temperature da 21°C -26°C di giorno e 10°C -15°C la sera.
Nella costa la temperatura e di circa 28°C, la stagione calda e piovosa va da novembre a maggio e la secca da giugno a dicembre.
Nella foresta amazzonica il clima è umido, tiepido e meno piovoso.
Nelle isole delle Galapagos ci sono due stagioni, una stagione più calda da dicembre a maggio con massime di 29 °C – 30°C e la stagione più fresca da giugno a novembre con massime di 24°C – 25°C di giorno.

Abbigliamento: per Quito e altre regioni andine si consiglia abbigliamento comodo e primaverile per il giorno mentre per la mattina e la sera si consiglia abbigliamento invernale. Per la foresta amazzonica si consiglia di usare abbigliamento leggero manica lunga e pantaloni lunghi per via dei mosquitos, impermebile e scarpre comode chiuse.

La quota comprende: per i viaggi illustrati in catalogo, la quota comprende tutto quanto indicato nella descrizione giornaliera di ogni itinerario. Ogni viaggio e personalizzabile secondo le esigenze e le aspettative di ogni cliente con quotazioni su richiesta.

Passaporto: validità minima di sei mesi al momento dell’arrivo nel Paese e di un biglietto aereo di andata e ritorno o di proseguimento del viaggio.

Visto: non necessario, per turismo, fino ad un massimo di 90 giorni di permanenza nel paese.

Vaccinazioni obbligatorie: nessuna; Per escursioni nella parte orientale del Paese e nella foresta amazzonica consigliamo la vaccinazione contro la febbre gialla.
E' richiesto un certificato di vaccinazione contro la febbre gialla ai viaggiatori superiori ad un anno di età provenienti da Paesi dove la febbre gialla è a rischio trasmissione e per coloro che abbiano transitato per più di 12 ore nell’aeroporto di un Paese in cui la febbre gialla è endemica.

Assicurazione: a partire dal 2018 è obbligatorio il possesso di un’assicurazione sanitaria valida per l’estero, il cui comprovante può essere richiesto all’arrivo in aeroporto.

Tasse da pagare in loco: solo per i voli verso le Galapagos si paga 10 usd in aeroporto e all’arrivo in aeroporto delle isole si paga la tassa d’ingresso al parco nazionale di 120 usd

Torna a Tour