Dalle Ande al litorale per la Via dei Vulcani

Durata

8 giorni / 7 notti

Tappe del viaggio

Quito - Otavalo - Riobamba - Cuenca - Guayaquil

Dalle Ande al litorale per la Via dei Vulcani

Laghi, vulcani, trenini che si inerpicano sulle montagne, resti di città misteriose, mercatini artigianali e una natura prorompente. Un viaggio attraverso le Ande ecuadoriane da Quito a Cuenca, tra paesaggi spettacolari e suggestivi per visitare le rovine Inca a Ingapirca. Cuenca, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Si dorme in posadas o in hotelitos coloniali per vivere al meglio un’atmosfera di altri tempi…

Dopo l’arrivo a Quito, il tour inizia partendo alla volta della città di Calderón, per vedere come si realizzano le famose statuette o figurine di pane dipinte. Si prosegue attraversando la città di Tabacundo con le piantagioni di rosa, è prevista anche una sosta a Miralago per ammirare il vulcano Imbabura e il Lago San Pablo che si trova ai suoi piedi. Subito dopo si visitano il famoso mercato artigianale di Otavalo e il mercato tessile situato nella ‘Plaza de los Ponchis”, il più importante del Sudamerica. Sulla strada del ritorno si farà una breve ma gustosa fermata nella località di Cayambre per assaggiare il pane tradizionale e i biscotti tipici di questa zona. 

Tappa successiva dell’itinerario è il Parco Nazionale che si raggiunge percorrendo la ‘Via dei Vulcani’. Il vulcano attivo Cotopaxi è il più alto del mondo! Si visita quindi il Lago Limpiopungo, che si trova nelle vicinanze del vulcano Rumiñahui, con possibilità di provare il ‘bird watching’; sulle pendici del Cotopaxi si trovano anche le rovine inca di Pucara de Salitre. Nel pomeriggio arrivo a Riobamba e visita della città.

La mattina successiva si riparte da Riobamba verso Alausí per prendere il treno a la “Nariz del Diablo”. Durante il percorso si visitano la Chiesa Balbanera, il Lago Colta e la città indigena di Guamote.

In tarda mattinata si giunge alla città di Alausí, dove, a bordo del famoso treno “Nariz del Diablo”, si percorre un tratto davvero affascinante delle Ande. Nel pomeriggio visita della fortezza Ingapirca.

Si prosegue quindi verso Cuenca. Il tour continua il giorno seguente verso ovest diretti al Parco Nazionale Cajas, dove si può scegliere di praticare diverse attività come trekking, pesca, birdwatching, osservazione della flora e della fauna. Possibilità di visitare anche il Centro di Interpretazione situato sul Lago La Toreadora (il più grande e importante di tutto il complesso).

Il viaggio prosegue senza sosta con la partenza verso la città di Guayaquil. Su richiesta, si può fare una sosta per visitare una piantagione di banane a Puerto Inca (Hacienda Jambelí). In serata arrivo nella città di Guayaquil per far rientro il giorno seguente in Italia.

Possibilità di estensione alle Galapagos, sia in crociera sia con la divertente soluzione di Island Hopping (pernottando su un’isola, visitando ogni giorno un’isola differente).

Si tratta di un itinerario spettacolare, ricco di sorprendenti visite e interessanti attività da praticare… con le Ande ecuadoriane protagoniste assolute.

Programma

1º giorno
Italia - Quito

Partenza dall’aeroporto italiano di preferenza, arrivo all’Aeroporto Mariscal Sucre dove un nostro incaricato si occuperà dell’assistenza e del disbrigo delle formalità e di accompagnare gli ospiti in hotel. Sistemazione e pernottamento.

2º giorno
Quito

Prima colazione e giornata dedicata alla visita di Quito. Si partirà con la zona coloniale che fu, nel 1978, la prima città del Sud America a diventare Patrimonio Culturale dell’Umanità per l’UNESCO. Qui si trova il quartiere storico più grande di tutto il continente sudamericano con una architettura eclettica che alterna edifici moderni e futuristi con edifici di stile coloniale spagnolo. Si potrà passeggiare per i parchi di El Ejido e la Alameda dove si trova il monumento dedicato a Simon Bolivar, la Basillica del Voto Nacional, costruita in stile gotico, così come la Plaza de la Independencia, dominata dal Palazzio Presidenziale e dal Palazzo Arzobispal.

Camminando per le caratteristiche vie del centro si incontrerà la Iglesia del Sagrario y La Compania de Jesus, esempi dell’arte barocca in America. Si proseguirà poi per la Plaza del San Francisco che risale al XVI Secolo ed è la più grande del continente e ospita la omonima chiesa ed il convento, entrambi di grande valore artistico per lo sviluppo dello stile coloniale della Scuola Quitena.

Pranzo libero e proseguimento verso la zona a nord della città dove si trova la Mitad del Mundo. Qui si visiterà la Linea Equinoziale del parallelo 0 e  il Museo Solar Intinan dove sono conservati alcuni esperimenti di física applicata e che ospita anche una sezione étnico-culturale.

Rientro in hotel e pernottamento

3º giorno
Quito – Otavalo

Prima colazione e partenza per il tour. Ci dirigeremo a nord verso la città di Calderón, a meno di 20 minuti di strada da Quito, per vedere come si realizzano le famose statuette o figurine di pane, ossia degli oggetti in mollica di pane dipinta.

Si prosegue verso nord sulla via Panamericana, passando la città di Tabacundo, osservando il bel paesaggio con le piantagioni di rose su entrambi i lati della carreggiata. Breve sosta in un luogo panoramico e strategico a Miralago per ammirare il vulcano Imbabura e il Lago San Pablo che si trova ai suoi piedi.

Verso mezzogiorno, visita del famoso mercato artigianale di Otavalo, con sosta al mercato tessile situato nella ‘Plaza de los Ponchis”, il più importante del Sudamerica. Qui si trovano tantissimi prodotti fatti a mano, tra cui arazzi realizzati con telai spagnoli e locali. Tempo libero per effettuare acquisti.

Prima del rientro, pranzo facoltativo sul lago San Pablo. Sulla strada del ritorno, sosta nella località di Cayambre, per assaggiare il pane tradizionale e i biscotti tipici di questa zona. Arrivo a Quito nel pomeriggio. Rientro in hotel. Pernottamento.

4º giorno
Quito – Cotopaxi – Riobamba

Prima colazione. Si riprende il tour verso sud sulla famosa “Via dei Vulcani”. Verso mezzogiorno è previsto l’arrivo al Parco Nazionale che dista 59,54 km dalla città di Quito. Il vulcano Cotopaxi è uno dei punti di riferimento più importanti in Ecuador, essendo il vulcano attivo più alto del mondo. Visita a una mostra sulla flora e fauna endemica, osservando in particolare specie come: la Chuquiragua (conosciuto anche come il fiore dell’alpinista), cavalli selvatici, cervi, lama e altro. Si visita il Lago Limpiopungo, che si trova nelle vicinanze del vulcano Rumiñahui (4721 metri) e con possibilità di provare il ‘bird watching’, l’osservazione dei volatili. Sulle pendici del Cotopaxi, si trovano anche le rovine inca di Pucara de Salitre. Pranzo libero prima di arrivare a Riobamba per un city tour e la registrazione in hotel.

Pernottamento.

5º giorno
Riobamba – Alausi – Cuenca

Prima colazione. Si riparte da Riobamba in direzione sud verso Alausí, per prendere il treno a la “Nariz del Diablo”. Lungo la strada, si visitano la Chiesa Balbanera, il Lago Colta e la città indigena di Guamote (nota: il giovedì è giorno di fiera). A metà mattina si raggiunge la città di Alausí, dove si sale a bordo del famoso e avventuroso  treno “Nariz del Diablo”, percorrendo un tratto davvero affascinante delle Ande, tra pendici scoscese e ponti che sembrano sospesi. Dopo circa quattro ore di viaggio, nel pomeriggio, rientro ad Alausí. Trasferimento in bus a Ingapirca. Non è previsto pranzo, meglio portare con sé uno spuntino per il viaggio.

Si visita la fortezza Ingapirca, ubicata a 3100 m sopra il livello del mare. Queste antiche rovine sono le più importanti di Paese. La sua storia rimane però un mistero, gli studi effettuati non hanno infatti permesso di capire se si tratta di una fortezza, un osservatorio o di un tempio.

Dopo aver visitato le rovine, si riprende il viaggio verso Cuenca, raggiungendola nel primo pomeriggio. Sistemazione in hotel. Pernottamento.

**Attenzione: il treno pubblico non funziona di lunedì.

6º giorno
Cuenca

Prima colazione e successivamente passeggiata attraverso la zona antica della città pasando dalla Calle Larga, luogo di produzione dei cappelli, proseguendo poi per il mercato dei fiori, il Parco Calderon con la visita della Cattedrale e del Museo Archeologico del Banco Central (chiuso la Domenica) per teminare al belvedere di Turi da dove potremo godere di una panoramica di Cuenca e dei dintorni.

Rientro in hotel e pernottamento.

7º giorno
Cuenca - Cajas-Guayaquil

Prima colazione e partenza verso ovest diretti al Parco Nazionale Cajas. Dopo un breve trasferimento in auto, raggiunto il parco, si può scegliere di praticare diverse attività come trekking, pesca, birdwatching, osservazione della flora e della fauna e altro. Possibilità di visitare il Centro di Interpretazione situato sul Lago La Toreadora (il più grande e importante di tutto il complesso).

Pranzo libero prima di partire verso la città di Guayaquil. Lungo la strada si può ammirare un bel panorama montano e un cambiamento di vegetazione, man mano che ci si avvicina alla splendida costa ecuadoriana. Su richiesta, si può fare una sosta per visitare una piantagione di banane a Puerto Inca (Hacienda Jambelí).

In serata arrivo nella città di Guayaquil. Sistemazione in hotel. Pernottamento.

8º giorno
Guayaquil

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto, assistenza per il disbrigo delle formalità di uscita.

Possibilità di estensione alle Galapagos, sia in crociera che con la divertente soluzione di Island Hopping.

Fine dei nostri servizi


Richiedi un preventivo

Gentile cliente,
compilando questo breve form saremo in grado di inviarti una quotazione ad hoc. La stagionalità delle destinazioni è molto importante per la definizione delle quote di partecipazione per cui, nel caso non avessi delle date fisse di viaggio, ti preghiamo di indicare nel campo note, oltre ad eventuali richieste, l periodo indicativo del viaggio. Le date sono importanti anche per poter pianificare un operativo voli. Per poter fornirti un servizio ancora più puntuale, dovresti indicarci infine l'eventuale presenza di bambini e la loro età.

Numero di passeggeri *

Aeroporto di partenza *

Partenza

Ritorno